Legge Salva Bimbi. Corsi nelle scuole contro Soffocamento. Mocerino: si accelera sulla legge, presto in aula

“La prevenzione per i più piccoli, la tutela vera dei nostri bambini, passa da provvedimenti concreti, da atti di civiltà, e la legge sulla ‘Diffusione delle tecniche salvavita e dei concetti di prevenzione primaria quali la disostruzione pediatrica e la rianimazione cardiopolmonare’, approderà presto in Aula. Un provvedimento che va, ci auguriamo, nella direzione giusta” Così Carmine Mocerino, Presidente della Commissione speciale Anticamorra e Beni confiscati, in qualità di Consigliere del Gruppo Caldoro, a margine della Audizione in Commissione sanità, dove è stato ascoltato Domenico Buonanno, dell’Associazione Salva Bimbi ONLUS.

“Una proposta che mi piace sintetizzare, come ho spesso ricordato e senza enfasi e con basi scientifiche, nel ‘salva bambini’. Una battaglia di grande civiltà, necessaria”.

Il testo è sottoscritto anche dai colleghi Stefano Caldoro, Mario Casillo, Armando Cesaro , Raffaele Topo e dal Presidente D’Amelio ed è preziosa la collaborazione dell’Associazione SalvaBimbi onlus.

“Nelle scuole, per gli insegnati e le famiglie, è necessario apprendere alcune tecniche”.

Nell’Aprile 2016 il consigliere regionale aveva annunciato l’iniziativa.

“In Italia, secondo i dati ufficiali dell’ISTAT, il 27% delle morti classificate come ‘accidentali’ nei bambini avviene per soffocamento da inalazione di cibo o di un ‘corpo estraneo’. Gli incidenti, che provocano danni seri, sono sempre più numerosi e i casi fatali aumentano. I dati sono allarmanti: è stimato che in Italia ogni anno perdono la vita 50 bambini, circa un bambino a settimana. Nella Regione Campania – è scritto nella relazione che accompagna la legge, già depositata  – nel 2013 hanno perso la vita due bambini, uno era a scuola ed uno a casa con i propri genitori”.

“Imparare alcune semplici tecniche di primo soccorso può risultare decisivo per la vita del piccolo. La finalità che si vuole raggiungere è quella di formare persone sull’importanza e sulla conoscenza delle ‘tecniche salvavita’ e sui concetti di prevenzione primaria, persone che, a loro volta, sensibilizzeranno altre persone creando, con il tempo, una rete ‘virtuosa’ di soggetti in grado di interviene tempestivamente. Con questa proposta coinvolgeremo le scuole, gli insegnati, le famiglie e gli studenti. Con meccanismi premiali incentiveremo i percorsi”.

“Alcune Regioni italiane – ha sottolineato Mocerino – hanno già avviato un importante lavoro in questa direzione, non possiamo rimanere indietro. La mancanza di competenze specifiche in questo campo può essere dannosa e a volte letale”

“L’addestramento formativo verrà svolto (come scritto nell’articolato normativo )da operatori sanitari e soggetti/enti formatori accreditati dal sistema sanitario di emergenza urgenza e si perfeziona con il rilascio di un attestato di qualificazione, in collaborazione con il Servizio di Emergenza Territoriale 118 del Servizio Sanitario Nazionale e con il contributo delle realtà del territorio”.

 

Leggi qui il testo della Proposta di Legge

Potrebbe interessarti anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>