De Luca e De Magistris? Incoerenti sul Collana, hanno fatto danni insieme. E’ caos

090838727-08c32447-463b-4b9a-a7cd-648c8374d274

“In questi ultimi giorni leggo ricostruzione sbagliate e fantasiose sullo stato di abbandono dello stadio Collana di proprietà della Regione Campania. L’unica cosa lineare, corretta e coerente è stata la procedura di affidamento ai privati fatta dalla mia Giunta, confermando, però, la finalità pubblica dell’impianto. Così come accade nelle migliori esperienze nazionali ed europee. Quello che è avvenuto dopo è solo caos, confusione, danno economico e sociale”. Cosi in una nota Stefano Caldoro, capo della opposizione di centrodestra in Consiglio regionale della Campania.

 “L’attuale Giunta regionale – rilancia – ha operato con interventi incoerenti e deboli dal punto di vista amministrativo. L’hanno vista infatti soccombere al giudizio del Consiglio di Stato. Eppure un giorno sì e pure l’altro, protesta ma non si sa bene contro chi e per cosa, se non per nascondere le proprie responsabilità. Sul lato del Comune, in queste ore, il sindaco di Napoli ha fatto una ricostruzione del tutto infondata quando dice ‘prima la Regione con Caldoro e poi con De Luca ci ha portato a questo stato di cose’. La mia scelta da Presidente della Regione è stata totalmente opposta a quella di De Luca”.

 “La verità è un’altra: l’attuale caos è stato generato da un’intesa politica tra De Magistris e De Luca che hanno voluto insieme, sbagliando, opporsi alle decisioni della mia Giunta. Hanno prodotto in ‘coppia’ atti formali alla giustizia amministrativa. Il Consiglio di Stato ha messo la parola fine legittimando le mie scelte e condannando il duo De Magistris-De Luca anche al pagamento delle spese legali” conclude Caldoro.

 

Potrebbe interessarti anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>