Campania: Mocerino, legge salvabimbi è segno di civiltà

_mg_0106

 

“Il Consiglio regionale della Campania ha approvato una legge di civiltà. Una vera e propria legge ‘salva bambini’. Ringrazio tutti i colleghi, le commissioni che hanno lavorato e l’Associazione SalvaBimbi onlus”.

Lo ha detto Carmine Mocerino, presidente della Commissione speciale Anticamorra e Beni confiscati, che ha presentato la legge ‘Diffusione delle tecniche salvavita e dei concetti di prevenzione primaria quali la disostruzione pediatrica e la rianimazione cardiopolmonare’, approvata
all’unanimità dall’aula.

“In Italia, secondo i dati ufficiali dell’Istat, il 27% delle morti classificate come ‘accidentali’, nei bambini avviene per soffocamento da inalazione di cibo o di un ‘corpo estraneo’. Gli incidenti, che provocano danni seri, sono sempre più numerosi e i casi fatali aumentano. I dati sono allarmanti: è stimato che in Italia – ha sottolineato Mocerino – ogni anno perdono la vita
50 bambini”.

“Abbiamo un ritardo incredibile da recuperare. Secondo i dati prodotti dalla Società Italiana Pediatria solo il 5% della popolazione, compreso il personale sanitario, è abilitato ad effettuare le manovre di rianimazione cardiopolmonare pediatrica di base – ha evidenziato – mentre, per esempio in Giappone, circa il 57% della popolazione sanitaria è a conoscenza delle
tecniche”. “Imparare alcune semplici tecniche di primo soccorso può risultare fondamentale per la vita del piccolo. E lo dobbiamo fare – ha aggiunto – Ci sono manovre, codificate a livello internazionale, secondo un preciso algoritmo e definite ‘salvavita’ che vanno conosciute e diffuse”.

“L’addestramento formativo – ha aggiunto – verrà svolto da operatori sanitari e soggetti/enti formatori accreditati dal sistema sanitario di emergenza urgenza e si perfeziona con il rilascio di un attestato di qualificazione, in collaborazione con il Servizio di Emergenza Territoriale 118 del Servizio Sanitario Nazionale e con il contributo delle realtà del
territorio”.

Potrebbe interessarti anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>